La guerra di Catherine

Mondadori

9788804684091_4_1814_0_75.jpg 665.45 KB

Adoro guardare il mondo attraverso il mirino. Fermare il tempo con un clic.
Rachel Cohen è una ragazza francese di origini ebree. Ha perso i genitori (forse sono stati deportati, forse uccisi o dispersi) e per questo frequenta la Maison de Sèvres, un collegio speciale dove ragazzi e ragazze sono lasciati liberi di imparare assecondando le proprie passioni, senza seguire per forza un programma fisso. La passione di Rachel è la fotografia, ed è anche la ragione che la porta a incontrare Etienne, un ragazzo che lavora in città. Anche lui è un fotografo, ed è subito colpo di fulmine tra i due. Ma la loro storia si interrompe nel peggiore dei modi: l’introduzione delle leggi razziali costringono Rachel, e non solo, a scappare per mettersi in salvo. Dovrà cambiare il suo nome (e sceglierà Catherine), lasciare la Maison de Sèvres, Etienne e tutta la sua vita per mettersi in fuga. L’unica cosa che le rimane, nel suo viaggio pericoloso tra la Francia della Resistenza, è la sua preziosa macchina fotografica. 



Commenti

Avatar Ariel08
Ariel08
08/09/2021 20:10 - Vigevano. "Lucio Mastronardi"

Perché ha senso leggerlo?

Perché ti fa capire come era dura la vita durante la guerra soprattutto per i ragazzi. Inoltre la storia mi è piaciuta molto, specialmente il finale.

In una riga?

Catherine, una ragazza ebrea, costretta a scappare dalla guerra e alla ricerca dei suoi genitori.

Avatar Lia Caparrotta
Lia Caparrotta
04/09/2021 19:21 - Vigevano. "Gianni Cordone"

Perché ha senso leggerlo?

questo libro insegna molto, fa capire quanto siamo fortunati e serve per non dimenticare . La protagonista è una ragazza molto coraggiosa che non si arrende , malgrado i continui viaggi per scappare dai nazisti , lascia amici e parenti ma rimane comunque molto forte.

In una riga?

la vita di una ragazza appassionata alla fotografia ostacolata dal terribile periodo della seconda guerra mondiale

Se vuoi, scrivi un messaggio per chi lo ha scritto

libro interessante e istruttivo

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

il violino di Auschwitz

Avatar Francy
Francy
15/08/2021 15:34 - Vigevano. "Gianni Cordone"

Perché ha senso leggerlo?

Perché ti fa capire che devi sempre inseguire i tuoi sogni malgrado tutto e tutti.

In una riga?

Bambina appassionata al mondo delle foto ma ostacolata dalla sua religione.

Se vuoi, scrivi un messaggio per chi lo ha scritto

Libro interessante e istruttivo.

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

Il diario di Anna Frank.

Avatar charlie005
charlie005
17/08/2021 22:52 - Vigevano. "Gianni Cordone"

Perché ha senso leggerlo?

Perché ti fa rivivere in un certo senso la loro vita ma non solo. A senso leggerlo per no dimenticare quei brutti tempi tra leggi razziali fughe suicidi di massa che vennero fatti ai campi di concentramento ,e per insegnare ai propri figli che bisogna rispettare il prossimo anche se di carnagione diversa ,religione o continente città o anche paese

In una riga?

Caterina riassumeva la sua vita in una scatto mediante la sua rollerflix

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

Anna frank, il muro di Berlino, il volontario ad Auschwitz

Avatar sofo
sofo
02/08/2021 21:53 - Vigevano. "Lucio Mastronardi"

Perché ha senso leggerlo?

Per non dimenticare un periodo bruttissimo della seconda guerra mondiale.

Se questo libro fosse un luogo?

In una riga?

E' la storia di Rachel una ragazza ebrea che è costretta a cambiare nome per riuscire a scappare dalla guerra e con la sua macchina fotografica ferma le immagini di tutto quello che ha visto e incontrato durante i suoi spostamenti per non dimenticare.

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

Il bambino con il pigiama a righe, La vita è bella.

Avatar Marta Casti
Marta Casti
29/07/2021 16:06 - Gropello Cairoli "Carlo Cantoni"

Perché ha senso leggerlo?

Questo libro mi è piaciuto molto perchè, tramite foto scattate da una ragazzina provi le stesse emozioni dei tempi della guerra

In una riga?

Questa storia parla di una ragazza ebrea di nome Rachel che perse i suoni genitori. Data la guerra dovette cambiare nome in Catherine. Cambiò anche scuole e famiglie e incontrò nuove persone, fino a quando non ritornò nella sua terra Parigi

Se vuoi, scrivi un messaggio per chi lo ha scritto

ringrazio la scrittrice per avermi regalato emozioni forti. é un libro unico in tutte le sue forme

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

la vita è bella 1997, il bambino con il pigiama a righe 2008

Avatar Leti09
Leti09
16/07/2021 13:22 - Gropello Cairoli "Carlo Cantoni"

Perché ha senso leggerlo?

Mi é piaciuto perché racconta una guerra è poi ti fa capire che in quel periodo bisognava vivere con la paura

Avatar Sofy_boscani
Sofy_boscani
03/07/2021 14:00 - Vigevano. "Lucio Mastronardi"

Perché ha senso leggerlo?

Spiega la seconda guerra mondiale in un modo più avvincente e scorrevole dato il fatto che è un libro a fumetti

In una riga?

La fotografia salverà il mondo

Avatar Buddymia
Buddymia
04/07/2021 13:41 - Vigevano. "Lucio Mastronardi"

Perché ha senso leggerlo?

Fa capire che nel passato , si doveva vivere i giorni con la paura

In una riga?

Caterina riassumeva la sua in una scatto mediante la sua rollerflix

Avatar rossellabonfi
rossellabonfi
14/06/2021 15:12 - Vigevano. "Lucio Mastronardi"

Perché ha senso leggerlo?

È molto bello e appassionante

Se questo libro fosse un luogo?

In una riga?

Parla di una ragazza nella seconda guerra mondiale

Se vuoi, scrivi un messaggio per chi lo ha scritto

Questo libro è molto bello la persona che l ha fatto secondo me ha immaginato come fosse la vita nella seconda guerra mondiale

Avatar Lulù
Lulù
13/06/2021 23:00 - Mede "Giuseppe Masinari"

Perché ha senso leggerlo?

Mi é piaciuto perchè è un libro che quando lo leggi non ti annoia,ti fa guardare la guerra attraverso gli occhi di una ragazzina.

In una riga?

Il cambiamento della vita di una bambina ebrea durante il nazzismo

Ti è venuta in mente qualche altra storia che per qualche motivo ci assomiglia?

Il diario di Anna Frank